Turisti del silenzio

SilenzioIl 19 marzo scorso l’isola di Bali si è riempita di turisti. In quella data, infatti, ricorreva la Nyepi, la giornata indù del silenzio.

Per una intera giornata, quasi 3 milioni di isolani hanno messo in pratica i precetti della meditazione Yoga, astenendosi dall’accendere luci o fuochi (Amati geni) e dal lavorare (Amati karya); seguendo l’obbligo di svolgere attività di svago (Amati lelanguan) e lasciare per un giorno la propria abitazione (Amati lelungan). Così, per un intero giorno buona parte di Bali è rimasta al buio e silenziosa.

SilenziobaliDalle loro camere e suite d’albergo, i turisti del silenzio hanno assistito alla celebrazione del Melasti, la  purificazione delle anime, svolta secondo tradizione sulle spiagge dell’isola. Anche se vissuta a rispettosa distanza, l’esperienza del Nyepi si è rivelata coinvolgente e totalizzante per le migliaia di stranieri accorsi a Bali.

9 commenti

  1. sarebbe già un passo avanti non dover conversare con le persone con il sottofondo della tv. è una delle cose che trovo più irritanti!
    ciao prishilla

  2. Adoro il silenzio, cerco sempre di crearlo intorno (e dentro) a me. Mi aiuta a non distrarmi, a riflettere – e anche a dormire, quando è ora. Non capisco invece la volontà che hanno molti di annullarlo: la musica a tutto spiano in certi ristoranti, ad esempio, è davvero fastidiosa. Per non dire della televisione…

  3. luce

    eppure come aveva scritto una volta un giornalista, di cui non ricordo il nome, sembra che chi fa rumore si senta più in diritto di farlo, di chi ama il silenzio. Ed è così per tanti altri ambiti. Chi ama essere circondato da tante cose sembra avere ragione su chi ama poche cose, ecc..
    ciao

  4. prussiano

    … ma proprio uno che ha un blog parla di silenzio ?!?
    Oltre la provocazione, direi che dovremmo tutti tacere di più. In particolare coloro che parlano per “esprimersi” potrebbero ridurre la quantità di pensieri inutili che riversano su tutti noi.
    Pensate se parlassero soli i saggi ed i leader: una manna dal cielo.
    Anche perchè, il popolo, la massa, ha anche delle idee proprie oltre quelle che qualcun altro gli ha messo in bocca?
    Tagore diceva che chi parla non agisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *