300 km in sedia a sdraio

SediapallonciniKent Couch ha da sempre avuto il sogno del volo, a modo suo: lo scorso fine settimana ha sperimentato un nuovo mezzo di trasporto aereo.

Con qualche spuntino, un po’ d’acqua, un paracadute e un sistema GPS, Couch si è accomodato sulla sua sedia a sdraio, a cui aveva precedentemente assicurato 105 palloni gonfiati con elio, per iniziare il suo viaggio. Destinazione: Idaho.
Svuotate alcune delle sacche d’acqua assicurate alla sdraio per fare zavorra, Kent Couch è regolarmente decollato nel cielo terso dell’Oregon. Dopo circa nove ore di volo, la sedia a sdraio è atterrata nella città di Union, a pochi chilometri dall’Idaho e a 300km di distanza dal punto di partenza di Couch.

A un cronista locale, Couch, che ha 47 anni e lavora come benzinaio, ha detto di sentirsi ancora un bambino: “Quando sei disteso sull’erba in una bella giornata estiva e vedi le nuvole, vorresti poterci saltare sopra. Ciò che ho fatto io è la cosa più simile a un salto sulle nubi. È praticamente la stessa cosa”.
Curiosa anche la tecnica utilizzata da Couch per atterrare. Armato di una pistola ad aria, il benzinaio volante ha sparato ad alcuni palloni, riducendo la resistenza alla forza di gravità.
Già lo scorso settembre Couch aveva tentato un’impresa simile, ma qualcosa non aveva funzionato nell’atterraggio. Aveva sparato a troppi palloni causando una discesa eccessivamente rapida della sedia a sdraio. Fortunatamente aveva un paracadute con sé.

6 commenti

  1. Sentirsi ancora un bambino è la più bella espereinza che una persona possa provare.
    Solo come bambini ritroviamo, secondo me, l’essenza del nostro essere donne e uomini.
    Un sorriso fanciullino
    Mister X di Comicomix

  2. Per piacere passa da me: Il nostro amico Morgan chiede ancora il nostro aiuto per quel bambino malato, ti aspetto, Giulia

  3. Beh, però a lui è andata meglio che al disgraziato che Leonardo fece volare con le sue pantagrueliche macchine, almeno non si è schiantato al suolo.
    Ciao
    Francesco

  4. @ Comicomix
    Parole sante! Eppoi rimanere sempre un po’ bambini non guasta mai 😉
    @ Fabioletterario
    Ok, però se ti dovessi addormentare occhio al risveglio. Magari fai lo splendido zompando giù dal letto e… CRASH! 😛
    @ Sandro
    Eh sì, per pochi chilometri… Ma credo sia ugualmente felice. Anche la moglie che l’hai visto tornare!
    anecòico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *