Nativi

Intorno ai primi anni del Novecento, William Pennington e Lisle Updike viaggiarono a lungo tra lo Utah, il New Mexico, l’Arizona e il Colorado a bordo del loro inseparabile carro per immortalare i paesaggi e le genti nella zona dei Four Corners.

ind

Nella cittadina di Durango (Colorado), i due possedevano un piccolo studio fotografico sulla Main Street. Periodicamente abbandonavano la città per avventurarsi tra le montagne, dove realizzavano ritratti fotografici per i minatori e i nativi d’America nelle riserve.

Nel 1974 alcuni scatti di Pennington e Updike furono pubblicati sulle pagine del Denver Post, ma l’iniziativa finì presto nel dimenticatoio. A distanza di circa trent’anni, le fotografie sono ora tornate alla luce grazie a un fortuito ritrovamento negli archivi del giornale e sono state pubblicate online su Captured, il blog fotografico del Denver Post.

Gli scatti risalgono al periodo compreso tra il 1915 e il 1920 e ritraggono gli indiani incontrati dai due fotografi nel corso dei loro viaggi. Immagini evocative di donne e uomini ormai rassegnati all’idea di vivere confinati in un infinitesimo delle terre che un tempo appartennero ai loro avi.

pubblicato in fotogiornalismo. con tag , , , , , .

One Response

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

free hit counter