3 commenti

  1. Pierbacco

    L’articolo ripreso da Anecòico presta a numerose riflessioni. Una di queste è che la riforma ha estirpato buona parte dell’insegnamento della storia dalla scuola primaria. Un tempo il ragazzino che usciva dalle elementari conosceva, almeno a grandi linee, un arco temporale che partiva dalle civiltà antiche e giungeva all’Italia contemporanea. Ora non è più così: si termina la quinta sbarcando in America con Cristoforo Colombo. Se l’insegnante avverte la necessità di parlare dei centocinquant’anni del Regno d’Italia deve fare i salti mortali ricorrendo agli studi sociali o a quelli sul territorio, per colmare lacune che altrimenti sarebbero superate solo al termine della scuola secondaria.

  2. marisa margara

    salve, sono marisa, mamma di un’allieva della 4a, volevo chiederle se è a conoscenza del blog che – come comitato genitori sclopis – abbiamo fondato sin dal primo anno di elementare dei nostri figli, coinciso con l’inizio della “storia” Gemini. Ho letto il Suo articolo, sarebbe molto interessante pubblicarlo sul nostro blog, mi pare pervaso dagli stessi interessi, valori e motivi che ci animano a continuare a sostenere la scuola pubblica, scuola di tutti e per tutti, e il lavoro straordinario del corpo insegnante della sclopis…

    se mi vuole contattare: 347 – 4398707 oppure fb: marisapatriziamargara

    Cordialmente,
    marisa margara

  3. marisa margara

    salve, sono marisa, mamma di un’allieva della 4a, volevo chiederle se è a conoscenza del blog che – come comitato genitori sclopis – abbiamo fondato sin dal primo anno di elementare dei nostri figli, coinciso con l’inizio della “storia” Gemini. Ho letto il Suo articolo, sarebbe molto interessante pubblicarlo sul nostro blog, mi pare pervaso dagli stessi interessi, valori e motivi che ci animano a continuare a sostenere la scuola pubblica, scuola di tutti e per tutti, e il lavoro straordinario del corpo insegnante della sclopis…

    se mi vuole contattarevia mail

    Cordialmente,
    marisa margara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *