2 commenti

  1. pierbacco

    Bravo, novello Esopo a spasso tra il frinire delle cicale. Dovremmo diventare un po’ più formiche, termitaio di Roma permettendo.

  2. vuesse gaudio

    CICALATA DEL SOLLEONE CON I FUOCHI MERIDIANI E LUNARI DI PLATACI:
    DALLA FAVOLA DI GRAMSCI ALL’ANELLO DI SATURNO DI W.G. SEBALD

    Oggi(ieri, per chi legge) mentre facevo la mia passeggiata del crepuscolo serale, ho avuto ancora dei pensieri morbosi. Che cosa c’è nella cicala che mi turba tanto ? Probabilmente il fatto che possa fare del suo frinire ininterrotto lo zufolio del demone meridiano.
    Gramsci, avete visto cosa dice nella sua favola?
    C’è così un curioso effetto di sincronia simbolica, stando qui dove c’è la Tre Giorni di Incendi del Solleone(ce ne sono altri tre giorni all’inizio del solleone; ce ne sono altri tre adesso alla fine del solleone)che avviene nell’agro di quel paesino, tra i prossimi da cancellare come comune, dove ad un certo punto di questa era del postmoderno si cominciò a cicalare che vi fossero nati gli avi di Gramsci, ma che cosa c’entra col demone meridiano?
    Ma se tu tiri fuori(appicchi)un incendio che dura tre giorni e tre notti e va su e giù lungo il Cozzo del Barone e la Contrada S.Elia di Plataci e i canadair vanno e vengono a frotte dalla costa giù ad est a pigliar acqua dal mar Jonio afferente ai lidi periferici di Villapiana e Trebisacce, comuni contermini connessi dalla strada provinciale 253(tratto declassato della SS 106), insomma a ridosso del delta del Saraceno, punto 33SXE28910(con forchetta nel mare, della terza cifra dopo la E, fino a 6 e dell’ultima cifra verso sud :09) nella Carta d’Italia IGM foglio n.222, III N.O. Torre Cerchiara, dall’alba al tramonto il frinire delle cicale non c’è più, anche se –virtù del demone meridiano – può capitare che proprio allora una giovane arbëreshe di P. possa fuggire in Norvegia con un mangiatore di fuoco. E pensare che il padre –per la faccenda delle cicale di cui alla favola di Gramsci- avrebbe voluto mandarla a Cambridge per studiare il rapporto tra le cicale, la pinoca di Villapiana Lido e il drone dei canadair.
    A sera, comunque, le cicale hanno ripreso il concerto qui a ridosso del delta del Saraceno; lassù, a ovest forse a 10-15 gradi dal tramonto del sole, a destra, il cicalino del fuoco indica stranamente il punto(33SXE229159 nel foglio 221, I S.E. Cerchiara di Calabria)di un demone lunare.
    Facendo riecheggiare più di un passo alla W.G. Sebald fra cui questo dalla Parte Nona de “Gli Anelli di Saturno”(Adelphi, Milano 2010): “Mi sembrava che qualcuno avesse tirato un sipario e che al mio sguardo impietrito si offrisse ora una scena informe e digradante verso il mondo infero. Nello stesso momento in cui percepii l’insolito chiarore notturno sospeso sul parco, ebbi la certezza che là sotto la distruzione era stata totale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *