14 commenti

  1. Cassa

    Peraltro, niente mappa ma foto aeree fino a distinguere le auto per strada. Il segreto militare è un fatto relativo.

  2. Salvo Perone

    L’efficacia (simbolica, evocativa, informativa) di una immagine la si può misurare dal suo rendere non necessario il racconto scritto. Quindi ben scelta e ben presentata la tua mappa, caro Emanuele. Ma l’interpretazione del dato grezzo è un passaggio successivo. E non sempre ci si incontra. Immagino che quel deserto oscuro intorno a poche fiammelle rappresenti per te l’espressione tangibile di un fallimento. Probabilmente è così. Ma che ne dici invece dello stimolo a riflettere sul fatto che esistono modalità differenti nel pensare il rapporto con il pianeta, la nostra casa? Quanto è saggio il procedere convinti che il giusto sia scandito dall’evolvere di un’unico modello di sviluppo? Quanto è lontano il nostro modo di pensare da quello dei cittadini europei di soltanto un paio di secoli fa. Ma come allora continuiamo a pensare che chi non sceglie come noi o è un selvaggio o è un infelice.
    Certo, alcune ideologie sono odiose e non possiamo non condannarle. Ma trovo poco tranquillizzante l’aspirazione ad un mondo completamente occidentalizzato. Non fosse altro che per gli stessi motivi per cui amo e aspiro alla conservazione della biodiversità (naturale). Esiste un’esigenza di biodiversità culturale, come la prima fortemente minacciata. E’ dal confronto che scaturisce la ricchezza. E’ dalle differenze che nascono e maturano i valori. Le specie biologiche si estinguono ad una velocità di molti ordini di grandezza superiore a quanto avveniva all’epoca dei nostri primi passi da ominoidei. E questo è un male, per ovvi motivi. Ma che ne è delle culture? Il tasso di estinzione delle ideologie è altrettanto elevato. Un pianeta costituito per intero da campi di mais e allevamenti di polli, punteggiati da McDonald’s e centri commerciali è una prospettiva piuttosto deprimente.

  3. Flx

    Quanto è saggio il procedere convinti che il giusto sia scandito dall’evolvere di “un’unico” modello di grammatica?

  4. martian

    francamente una persona che inneggia alla diversità culturale rappresentandosela e rappresentandocela in una nazione dove vive un popolo sfruttato, decimato dalla fame e dalla carestia, soggiogato alla volontà di un deposta sanguinario e mostruoso, privo di qualunque libertà e dunque sottosviluppato mi pare la dica lunga sui tempi che corrono e sugli effetti devastatanti che l’ideologia ha avuto in italia sulla mente degli individui.
    quanto al benessere, meglio il disturbo bipolare dei doppi turni alla breda.

  5. Salvo Perone

    Oddio flx quanto sei in gamba! Hai colto in pieno la questione! E con il sarcasmo poi sei un vero artista. Me lo segnali il tuo prossimo intervento? Non vorrei davvero perdermelo…

    Quanto a Martian… Non capisco davvero tanta spocchia e tanta aggressività nella risposta (si usa così in questo blog?). Credo che tu abbia poca voce in capitolo nel merito della mia ideologia (?) e della mia storia personale, per cui il tuo intervento mi pare almeno in parte “fuori tema”. Ad ogni modo non mi risulta di avere espresso giudizi positivi in riferimento alla situazione nella Corea del Nord. Il mio commento si riferiva al potere evocativo di un’immagine (va bene l’apostrofo, prof Flx?) e all’importanza che attribuisco al confronto con la diversità, che sia biologica, culturale, politica ecc.

  6. Salvo Perone

    ah…dimenticavo, Martian…despota si scrive despota, non … deposta! Te lo dico perchè c’è in giro flx! Non hai idea di quanto sia pignolo su queste cose!!!!

  7. liongalahad

    Sto con flx, la forma a volte è importante quanto la sostanza, soprattutto per quanto riguarda grammatica e ortografia. Vale la pena spendere sempre un minuto a ricontrollare ciò che si è scritto.

    E, dato che ci siamo, la parola “perché” va con l’accento acuto (é), non con quello grave (è) come hai scritto tu, caro Salvo. Scrivere “perchè” è profondamente sbagliato. Sappilo! 🙂

  8. Salvo Perone

    Profondamente sbagliato. Ok, cercherò di ricordarmelo! Grazie per avermi concesso questa preziosa lezione. Io ho davvero una grande ammirazione per le persone colte e preparate. Chissà che scuole difficili hai fatto per diventare così. Le cose che mi hai spiegato non le avevo assolutamente MAI sentite, davvero! (Mi farai notare l’anacoluto, adesso?).

    Scusa, liongalahad, ieri ho beccato il figlio del mio vicino di casa con le dita nel naso. Non hai per caso qualche pillola di saggezza anche per lui? Sai com’è, la forma a volte è importante quanto la sostanza.

  9. Salvo Perone

    Ah…liongalahad, ehm… scusa se mi permetto….hai scritto: “Vale la pena spendere sempre un minuto….”, molto è molto meglio: “Vale sempre la pena spendere un minuto….”.
    Per questa volta ti risparmio la matita blu, visto che sei un simpaticone, però ricordati di rileggere prima di postare, se vuoi evitare brutte figure!

  10. Qualche lucina in corrispondenza di Pyongyang c’è.

    Curioso che quelli che vanno a Stromboli, dove non c’è luce per le strade, trovino la cosa molto suggestiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *