Il M5S e il grano saraceno

Da ieri sera circola molto sui social una proposta di legge dei deputati del Movimento 5 Stelle che fanno parte della Commissione agricoltura della Camera per l’inasprimento delle pene “in materia di contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari”, presentata l’estate scorsa. Nella proposta dei 5 Stelle, da sempre apertamente contro gli OGM, si legge che i consumatori si illudono di usare prodotti made in Italy, mentre in realtà ignorano l’effettiva provenienza dei cibi che mangiano. E per chiarire come buona parte dei prodotti provengano in realtà dall’estero, dal M5S viene fatto questo esempio:

La pasta venduta in Italia è prodotta per un terzo con grano saraceno.

Naturalmente l’utilizzo di grano saraceno nella pasta non costituisce una contraffazione alimentare per il made in Italy. Il grano saraceno non ha una provenienza “saracena” (aggettivo che indica di tutto) ed è un tipo di poligonacea prodotto e utilizzato da secoli in diversi piatti della tradizione italiana. È originario dell’Asia centrale e viene coltivato nei paesi freddi perché è più resistente di altre erbe. In Italia è presente da tempo nelle vallate alpine, veniva usato come mangime negli alpeggi e per produrre una farina, nemmeno di grande qualità, a scopo alimentare. Inoltre, non risulta da nessuna parte che la pasta prodotta in Italia sia fatta “per un terzo con grano saraceno” come hanno scritto quelli del M5S nella loro proposta di legge. Sarebbe antieconomico per i produttori.

grano-saraceno

Lo strafalcione è stato ripreso e commentato molto online, con prese in giro e valutazioni di vario tipo sulla scarsa preparazione dei deputati del M5S su argomenti di questo tipo. Il testo della proposta di legge sembra del resto indicare che i suoi estensori siano convinti del fatto che il grano saraceno si chiami così perché non viene prodotto in Italia.

La faccenda era già stata segnalata lo scorso aprile su un blog che si occupa di agricoltura. Filippo Gallinella, il primo firmatario della proposta di legge, rispose spiegando che il testo presentato alla Camera conteneva un refuso: il M5S non voleva dire “grano saraceno” ma “grano straniero”. L’errore era già contenuto in una relazione della Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, la frase è stata estrapolata e usata così com’era nella proposta di legge M5S (che a pagina 2 ha anche un notevole “perseguitabili” invece di “perseguibili”).

Si può quindi prendere per buona la versione del refuso, anche se – a maggior ragione – sarebbero bastati qualche verifica in più e un po’ di buon senso per non ripetere l’errore della relazione. Se lo trascrivi così com’è vuol dire che lo condividi. Nel passato recente, del resto, il Movimento 5 Stelle ci ha abituati a dichiarazioni piuttosto eccentriche su temi legati alla scienza, all’ambiente e all’alimentazione. La sua capogruppo al Senato non ha escluso che possano esistere le scie chimiche, il gruppo parlamentare del M5S si è detto a favore del trattamento Stamina, una deputata ha detto di credere alle sirene (sì, quelle tipo Ariel), un deputato è convinto che negli Stati Uniti impiantino microchip sottopelle per controllare la popolazione, e Beppe Grillo tra le tante dice che negli Stati Uniti puoi andare in un ufficio pubblico per chiedere la stampa di una casa 3D.

Granturco, you’re next.

pubblicato in politica, scienza. con tag , , .
free hit counter