Sinatra al Bacio

– Cara, eccoti un cazzotto!
Se non fosse stato per Giovanni Buitoni, il cioccolatino più amato dagli innamorati non sarebbe probabilmente mai esistito. Nato negli stabilimenti della Perugina nel 1922, l’antenato del “Bacio” era stato concepito per recuperare gli scarti di produzione delle nocciole. La forma particolare del cioccolatino, sormontato da una nocciola intera simile a una nocca, aveva ispirato alla sua creatrice – Luisa Spagnoli – l’insolito nome “Cazzotto”.
Narra la leggenda che le nuove praline, esposte nella pasticceria di Perugia, non avessero riscosso molto successo tra gli acquirenti. Il cartello “I cazzotti della Perugina” esposto in vetrina non era, in effetti, un felice esempio di marketing. Determinato a continuare la produzione di questi cioccolatini, molto utili per recuperare gli scarti di produzione, Giovanni Buitoni decise di cambiare strategia comunicativa. Da duri e violenti “Cazzotti”, i cioccolatini Perugina divennero dolci e amorevoli “Baci”.
A quarant’anni dalla loro invenzione, nel 1962, la Perugina decise di festeggiare il compleanno delle sue praline più conosciute con una serie di spot per Carosello. Come protagonista unico e indiscusso per questi sketch venne scelto Frank Sinatra, che per il disturbo incassò un contratto di 150.000 dollari.
La serie di 13 spot fu girata negli studi di registrazione della RCA a Roma. Nonostante il lauto compenso, Sinatra si rifiutò di pronunciare lo slogan in italiano “Ovunque c’è amore, c’è un Bacio Perugina”, costringendo la produzione a un innaturale doppiaggio.
L’episodio qui proposto è datato 1962, Frank Sinatra canta “Night and Day”.

Se ti è piaciuto, vota questo post con un semplice clic ->

7 commenti

  1. Pierbacco

    La tradizione vuole che, nella pasticceria di Perugia, vi fossero alcune commesse molto carine, alle quali i giovani avventori continuavano a chiedere maliziosamente dei «Baci». Una tentata dolce vita forse non esente da indigestioni.
    Pierbacco

  2. Qui mi tocchi sul personale…
    Non so se te l’ho detto, ma mia madre ha lavorato 30 anni in Perugina.
    E io, in una vita precedente, pure, per 4 anni.
    Un sorriso perugino
    Mister X di Comicomix

  3. Davvero si chiamavano cazzotti? Sarebbe fantastico offrire dei cazzotti dolci, magari agli amici piú che alle compagne.

  4. O.T. Perché uno di questi giorni non insegni agli altri utenti di typepad ad eliminare i codici alfanumerici per inserire i commenti?


  5. @ Pierbacco
    …o brufoli 😛
    @ MrX
    Da bravo perugino hai tenuto alto il nome dell’arte dolciaria italiana. Peccato che adesso la Perugina sia in mano a certi svizzeri…
    @ Mani
    Sì, l’idea era proprio quella di chiamarli cazzotti… ma a San Valentino non avrebbero riscosso molto successo… o forse sì? 🙂
    @ Mani (OT)
    I “captcha” danno fastidio anche a me, ma spesso sono l’unica arma contro lo spamming nei commenti. Io ho deciso di toglierli per rendere più fruibile e semplice l’inserimento dei commenti, ma talvolta devo eradicare molti commenti di spam. Se tieni costantemente sott’occhio il tuo blog puoi anche togliere i “captcha”, altrimenti conviene mantenerli. 😉
    @ Antonio
    Frank si natra.., “the voice” si diventra… 😐 Battutaccia, lo so eheh
    @ Finazio
    Almeno saprò cosa scrivere ancora per tanto tempo! 😀
    anecòico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *