MaratonArte

Maratonarte

Per mantenere, curare e preservare il patrimonio artistico dell’Italia occorrerebbero ogni anno circa 700 milioni di euro, eppure la legge finanziaria di quest’anno ne stanzia appena 300, meno della metà.

Per sostenere la preservazione del patrimonio artistico italiano, dal 5 al 7 ottobre l’associazione onlus MaratonArte, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha organizzato una maratona per raccogliere fondi da destinare a un ambizioso progetto di recupero e valorizzazione di sette opere di grande importanza storica e culturale per il nostro paese.
Selezionate da un comitato scientifico indipendente, le “sette missioni possibili” riceveranno finanziamenti mirati e non a pioggia, con il preciso intento di mantenere tutti i passaggi dalla raccolta fondi all’attuazione dei progetti estremamente chiari e trasparenti per i cittadini.

Con un SMS al numero 48545 si possono donare 2 euro da tutti i cellulari. Mentre con un SMS al numero 48558 da cellulari Vodafone si possono donare 5 euro.

“Difendere le nostre bellezze, salvarle dall’abbandono, dal logorio del tempo, restaurarle nel loro pieno splendore, non è solo un’operazione culturale ma anche la valorizzazione della nostra maggiore risorsa.
Un investimento per il futuro dell’Italia.”

7 commenti

  1. MaratonArte – Una maratona televisiva per salvare il patrimonio artistico e culturale

    Oggi prende il via MaratonArte:
    Maratonarte è una Onlus, un’organizzazione di utilità sociale non a scopo di lucro, nata con lo scopo di valorizzare il patrimonio storico-artistico del nostro paese.
    Gli esperti di Maratonarte hanno selezionato…

  2. Però trovo scandaloso il fatto che i monumenti possano salvarsi solo con la generosità dei cittadini! E lo stato dov’è? I soldi per il calcio li trova sempre, quelli per i monumenti invece mai…!

  3. Bell’iniziativa, se non fosse che da origine a fastidiose domande come: “Ma allora le tasse per cosa le paghiamo a fare?”.

  4. É un’iniziativa lodevole, finalmente qualcuno si muove per sfruttare quello che abbiamo di piú “vendibile” in Italia, ma hanno ragione gli altri commentatori, perché l’aiuto deve venire quasi esclusivamente dai privati?

  5. Altrettanto vistoso è il patrimonio costituito da beni non ancora catalogati ovvero catalogati e chiusi in sotterranei e cantine per mancanza di spazio. Ed in genere queste opere d’arte,mal conservate, tendono a deperire. Ogni museo italiano ne è pieno.

  6. vichingo

    ma se per qualsiasi cosa dobbiamo provvedere noi cittadin con le donazioni, per quale cazzo di motivo paghiamo le tasse? solo per mantenere i nostri “beneamati” politici alla bella vita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *