Tempo!

Quando un uomo siede vicino a una bella ragazza per un’ora, pensa che non sia passato più di un minuto. Ma fatelo sedere sopra un termosifone bollente per un minuto, crederà che siano passate delle ore. Ecco cos’è la relatività. (Albert Einstein)

Tempodali“Sedetevi davanti a un orologio e fissatelo per cinque minuti” ci disse un giorno la professoressa di filosofia al liceo. Seduto in cucina misi in pratica il filosofico esperimento. Schiena dritta e occhi fissi sull’orologio al quarzo Artin e sulla lancetta rossa, che con una discreta precisione scandiva la durata di 9 192 631 770 periodi della radiazione corrispondente alla transizione tra due livelli iperfini, da (F=4, MF=0) a (F=3, MF=0), dello stato fondamentale dell’atomo di cesio133. I secondi, insomma. Fu un’esperienza molto istruttiva, da cui ne uscii filosoficamente cambiato.

A distanza di alcuni anni, quando mi capita di guardare l’orologio talvolta ripenso a quei cinque minuti passati a fissare il tempo, alla loro relativa eternità rispetto alla mia vita, che sembra aver subìto un’accelerazione mai conosciuta prima, forse proprio per merito dei lenti tempi scolastici, delle eterne lezioni, e degli eterni compiti e delle eterne pause tra una lezione e l’altra all’università.

Ora sembra correre tutto molto più rapidamente, tanto che mi occorrerebbero 25 ore per riuscire a risolvere tutte le incombenze di una giornata. Forse 28, chissà.
Vorrei avere più tempo per svolgere con maggior accuratezza il mio lavoro e gli impegni che ho assunto. Vorrei avere più tempo per vedere le amiche e gli amici di sempre, anche loro alle prese con giornate troppo corte per incastrare tutti gli appuntamenti.
Vorrei avere più tempo per scrivere cose più sensate su questo blog. Vorrei avere anche più tempo per tornare a dormire almeno sei ore per notte e riuscire a staccarmi con più facilità da quel grande magnete mattutino che è il letto. Vorrei avere più tempo per iniziare a leggere quel romanzo di Auster, l’ennesimo romanzo di Auster, che da settimane sosta placido nella mia libreria in attesa di fare il suo dovere: farsi leggere.

Ecco, devo fermarmi. Non ho più tempo.

5 commenti

  1. Pierbacco

    Anecòico! Il tempo è la realtà più democratica che ci sia. Il giorno dura 24 ore per Berlusconi e Carla Bruni, per Ratzinger e per il bambino biondo che gioca in cortile con la macchinina telecomandata. L’importante è inestirlo bene e far sì che le incombenze non ti privino del piacere di una passeggiata, di una lettura, di parlare e fare l’amore. Di scrivere per il piacere di scrivere.
    Se non è così, non sono le macine del tempo da rivedere, ma quanto frumento ci butti dentro. Se vuoi troppa farina il mulino sforza e, un domani, potrebbe cedere.
    Metti un sacchetto più piccolo: farai meno pane, ma avrai più tempo per masticarlo bene.
    Pierbacco

  2. Non è che non abbiamo tempo, è che vogliamo fare troppe cose e queste cose sono segmenti separati di tempo. Così questo benedetto tempo non fluisce come dovrebbe ma saltella determinando un senso di insoddisfazione. E ormai siamo troppo distanti dalla Natura, madre del nostro tempo.

  3. Se avrai la fortuna di dedicare un quarto d’ora della tua vita a generare un figlio, allora scoprirai cos’e` la mancanza di tempo. 🙂

  4. Ti capisco molto bene, anche a me il tempo sembra non bastare mai e che qualche anno fa non avevo questo problema 🙁 Chissà se è anche colpa di una tecnologia (computer, Internet, telefonini, macchine, ecc. ecc.) usata male che ci da l’impressione di potere fare tutto. Mah! Come ciclista dico che dobbiamo cercare di trovare il nostro passo 😉
    Ciao, un caro saluto
    Giuseppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *