Primo Maggio

Costituzione Italiana

Articolo 1
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

Articolo 4
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Articolo 35
La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni.

Articolo 36
Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.

Articolo 37
La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.
La legge stabilisce il limite minimo di età per il lavoro salariato.
La Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione.

Articolo 46
Ai fini della elevazione economica e sociale del lavoro in armonia con le esigenze della produzione, la Repubblica riconosce il diritto dei lavoratori a collaborare, nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi, alla gestione delle aziende.

Articolo 117
Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza del lavoro.

5 commenti

  1. Ottimo post!
    Sono contenta che tu abbia ri-postato il video (spero non ti sia dispiaciuto se l’ho fatto anche io come ti ho detto nell’altro commento): come dice una “pubblicità progresso” amo il mio lavoro ma non da morire!!!!!
    Un carissimo abbraccio, Lisa

  2. Hai fatto bene a pubblicare gli articoli della Costituzione. Bisognerebbe far girare il post da parecchie parti e tutto il testo dappertutto. Ce n’è un gran bisogno.
    luigi

  3. Buon Primo Maggio.
    Ho anch’io riproposto il video con il tuo testo.
    Quanto è bella la nostra Costituzione, speriamo in bene.
    Ciao, carissimo!
    Cris

  4. … e già Sacconi, ministro del lavoro in pectore, ma anche se non sarà ministro è un forzitaliota che conta, ha annunciato che si dovrà rivedere il Testo unico sulla sicurezza appena approvato. Anec, hai visto in quanti modi diversi abbiamo postato sul 1° maggio e sul 25° aprile!!! Carino, no? Ma il tuo testo sugli operai morti sarebbe da ricordare sempre.
    😉 duccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *