4 commenti

  1. salvatore Torino

    “signori, siete in una chiesa”.. e poteva aggiungere “ma che cce frega, ma che cce ‘mporta…” La solita figura da burini, peracottari: la peggio risma dello statale pigro, maleducato, indolente e paraculo, senz’altro bravo, all’ora di uiscita, a scattare energicamente in avanti vantando regolamenti, norme… Welcome in Roma, la città eterna, eternamente ostaggio di indolenti parassiti: ecco il biglietto da visita di questa città!

  2. Pierbacco

    Ma tu guarda st’impuniti, stì fij de na gran mign…li mortacci loro (ma non quelli del Pantheon, beninteso). Pierbacco

  3. Vorrei far notare l’esplicita nota che accompagna il video su youtube:
    Here you can see why nobody plays concerts in Italy anymore. The employees turned off the lights and started to drive the public out cause they work till 18.00. The concert would have be finished at 18.15 by the way. Hundreds of people didn’t want to leave, they were crying to musicians “Suonate, suonate” and “Vergognatevi” to the Pantheons employees.

    Però scusate, bastava un minimo di organizzazione. bastava chiedere: a che ora chiude er Pantheon? Ah si? Allora ce organizzamo e finiamo prima. Grazie e arrivederci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *