Un commento

  1. speriamo che la sparuta minoranza di giovani col cervello abbia visto quel documentario, compreso come la storia non insegni nulla, assorbite le parole d’ordine che s’inseguono: “ottimismo”, “fiducia nella patria”; capito che nessuno fuor da loro può risolvere nulla: oggi come allora i padri hanno la preoccupazione principe di far mangiare i figli e non si può pretendere da loro atti d’eroismo, atti che una valutazione attenta de’ rimpianti ascoltati ieri
    -rimpianti espressi dai testimoni del tempo, rimpianti per non esser passati all’azione- appaiono piú che mai necessari e configuransi come piccolo male per scacciarne uno, molti assai piú gravi ed esiziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *