Il Far West di Carosello

Cocco_bill«Siamo nella seconda metà del secolo scorso e le vicende del nostro si svolgono nel leggendario far west. Arizona? Texas? Colorado? Fate voi, ragazzi. L’essenziale è che sia far west!»

Così scriveva il grande Benito Jacovitti in uno dei suoi primi albi a fumetti. Dalla sua poliedrica fantasia era nato, nel 1958, l’intrepido e sgangheratissimo cow-boy Cocco Bill che, con le sua avventure, rallegrava il giovedì pomeriggio dei bambini del "boom" sulle pagine de Il Giorno dei Ragazzi, supplemento del quotidiano Il Giorno.
A metà degli anni Sessanta il personaggio di Jacovitti diventa il testimonial per una nota marca di gelati, approdando sugli schermi televisivi sull’ormai affermato palcoscenico di Carosello. L’animazione di Cocco Bill viene personalmente curata dai fratelli Pagot, già famosi al grande pubblico per la creazione di Calimero, il piccolo pulcino nero dei detersivi Miralanza.
Gli episodi prodotti per Carosello ricalcano fedelmente il fumetto di Jacovitti, senza tradirne alcuna sfumatura. L’immaginario miticizzato del Far West, tema portante dei fumetti di Cocco Bill, rivive anche sugli schermi televisi, con sketch sapientemente confezionati in cui ritroviamo tutti i personaggi del fumetto, compresi gli strampalati e baffuti malfattori arcinemici del cow-boy.
L’episodio qui proposto è del 1968, il nostro eroe è alle prese con un governatore senza capelli che impone a tutte la popolazione di rasarsi a zero… Buon divertimento!

6 commenti

  1. cocco bill su carosello??? questa mi mancava proprio… in formato cartaceo e qualche volta animato, sì: ma in versione spot, che scoop!!!

  2. Le vignette di Cocco Bill mi sono sempre piaciute per il surrealismo che racchiudono (salami, piedi che sbucano ovunque…). Ricordo meno i Caroselli, ma ero troppo piccolo.
    Ciao.

  3. Cocco Bill non solo venne animato da Nino e Toni Pagot (1965-66-67-68-69) per il gelato Camillino e Moreno al Gianduia della Eldorado. Ma anche rianimato da Pierluigi De Mas (1970-71) sempre per la Eldorado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *