Ratatata ta ta ratatatata – DING!

Dopo molti anni di discussione, sarà possibile sostenere l’esame da giornalista utilizzando un computer e non più le macchine da scrivere. Sull’esame circolano da anni racconti ai limiti della mitologia e delle saghe arturiane. Abituati al copia/incolla e alla possibilità di cancellare e riscrivere il testo con il santo tasto CANC, pare che molti dei candidati all’esame da giornalista avessero qualche difficoltà davanti a una semplice e solida macchina da scrivere. Non che arrivassero a cercare il tasto Windows, ma poco ci mancava.

La macchina da scrivere è scomparsa pian piano dalle nostre esistenze, quasi in punta di piedi. Di colpo negli uffici, nelle redazioni dei giornali e nelle case editrici hanno smesso di echeggiare le metalliche mitragliate dei tasti battuti febbrilmente e con forza per imprimere l’inchiostro sul foglio. L’artista Jeremy Mayer ha pensato bene di riciclare centinaia di macchine da scrivere, trasformandole da oggetti di design in vere e proprie opere d’arte.

Clicca sulla colonna di destra per ingrandire le immagini e sulla freccia azzurra in basso per scorrere l’anteprima.

7 Comments

  1. Ciao, devo dire che non c’è paragone fra la tastiera del pc e la buona vecchia macchina de scrivere, però veder scomparire tutti questi cimeli, mi rattrista…
    Ciao

  2. E io che pensavo che con “Il Pasto Nudo” Cronemberg avesse già detto tutto sulle macchine da scrivere..!
    Io sono troppo gggiovane per aver mai usato una macchina da scrivere…. però una volta ne ho vista una! 😀

  3. Da chi rammenta le prime olivetti portatili per averle anche usate. Un encomio a Mayer per la fantasia e la creatività.
    Ma anche un rimpianto per chi sostenesse l’esame da giormalista: lanciarla in testa a qualche presunto giornalista commissario d’esame, la soddisfazione sarebbe molto più gratificante rispetto ad un pc.
    luigi

  4. Raccontano di un giro di affitti per le macchine da scrivere da portare all’esame da giornalisti… con le dovute proporzioni di misure una mds si poteva paragonare a un appartamento in centro a Milano con vista su Brera.

  5. Che belle opere… Ma si muovono anche?
    Quanto all’albo rischia l’estinzione prma delle macchine da scrivere e in fondo non credo che se ne sentirá la mancanza.

  6. Pierbacco

    E’ bellissimo e molto comodo scrivere con il PC, ma il gesto di infilare il foglio nella macchina per scrivere era magico. La pagina bianca ti dava l’impressione di essere uno sciatore in procinto di lanciarsi su una pista ben innevata.
    Piebacco

Leave a Reply

Your email address will not be published.