Yes, he won

Yes, he won!

ObamaBarack Obama ha infine i numeri per ottenere la candidatura alla presidenza degli Stati Uniti d’America. Mentre Hillary Clinton è l’avversaria sconfitta. Obama sarò alla convention di agosto di Denver con circa 2137 delegati pronti a votare per lui, una ventina in più rispetto al massimo necessario per ottenere la nomination. Solo qualche mese fa sconfiggere Hillary sembrava una difficile impres.

Per i giornali statunitensi la vittoria di Obama costituisca un momento storico per il paese, che in decenni di uguaglianza razziale almeno dichiarata non era mai riuscito a esprimere un candidato forte e credibile di colore. Ma quella di Barack Obama non è semplicemente una vittoria simbolica.

Hillary_2Obama è riuscito a infondere lo spirito e la voglia di una rinascita, offrendo un’idea di discontinuità, di un distacco dalla solita politica di Washington.
Obama è riuscito a trasmettere questo, a dare un’immagine di sé improntata sulla novità, benché lo stesso sia da tempo parte dei meccanismi della politica statunitense ad alto livello. Ma è quando si tratta di scegliere un candidato, un leader, che gli elettori abbandonano spesso il senso completo della realtà per abbandonarsi a chi li sappia coinvolgere e ridestare in loro la voglia di un futuro diverso.

MccainpicLa sfida che si apre ora per Obama non sarà comunque semplice. Obama avrà il compito di ricompattare il partito, diviso tra clintoniani e obamiani che per quasi sei mesi se le sono date di santa ragione per sostenre i loro candidati. Sarà probabilmente questa la sfida più difficile: dimostrare di aver rimesso insieme il partito e di essere pronti e compatti per la gara con McCain, il candidato repubblicano, che ha ormai iniziato ufficiosamente la sua campagna presidenziale.

 

4 Comments

  1. the problem is… che obama ha vinto con i superdelegati, ma la clinton ha raccimolato più voti popolari, ha vinto negli stati più grandi, quelli che contano di più; a favore di obama, in florida e il michigan (dove la clinton ha vinto) hanno inventato la formula una testa mezzo voto e…è molto probabile che a vincere sarà mccain

  2. Copyleft

    John McCain, nato a Panama perché il padre ammiraglio doveva difendere il canale usurpato dai gringos, a scuola eccelle solo nel wrestling. Aggressivo e desideroso di prevalere ad ogni costo, riottoso all’obbedienza, all’accademia navale diventa pugile ma si diploma all’895mo posto su 899 alunni. Non un genio, diciamo.
    Rampollo di una stirpe di ammiragli (il padre fu comandante in capo durante la guerra di sterminio in Vietnam), partecipa egli stesso a quella guerra come aviatore e, da vero eroe, bombarda e massacra con gran gusto i villaggi vietnamiti.
    Ma il suo aereo è abbattuto; viene fatto prigioniero e trattato anche troppo bene, visto che non era andato lì a fare carezze. Riesce comunque a troncarsi gambe e braccia per la perizia con cui aziona l’espulsione automatica mentre l’aereo cade.
    Dopodiché niente di rilevante: viene rilasciato, torna a casa, sposa una riccona e si dà agli affari, che negli USA coincidono con la politica. Appena eletto senatore viene subito coinvolto in uno scandalo. Poi bordeggia in senato, presentando vari disegni di legge col bel risultato di non vederne mai passare uno.
    Ha 70 anni e li porta pure male.
    Insomma un inutile, anzi un dannoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.