2 commenti

  1. vuesse gaudio

    PROVERÒ A FARMI SORPRENDERE COL FRULLATORE A SCOPPIO IN MANO…
    Nei passati anni usavo il tagliaerba che, per metterlo in funzione, dovevi tirare la corda come al frullatore a scoppio: quando ti prepari per tagliare centinaia di metri quadri di erba, ma erba di varia natura, senza escludere le cannucce delle paludi, con un aggeggio simile, che, se si ingolfa, o non prende l’aria giusta dopo i primi tre colpi, le tre tirate della cordicella, e non va in moto nemmeno al decimo tentativo, beh, allora, comincia a frullarti qualcosa in testa…
    Così ho smesso; adesso, uso la falce, sì, la falce, e posso assicurarvi che mi turba più del frullatore a scoppio, che, sì, lo ammetto, è ammaliante, ma con la falce io mi sento un personaggio per il quale riuscire a superare la notte diventa sempre più difficile…
    Comunque, devo dare atto al blogger che lo strappo alla funicella del frullatore è forse una delle meraviglie della natura, insieme allo strappo alla corda del motosega e del tagliaerba, quando partono al primo colpo, allora, sì, deponi l’ascia e la falce e staresti sul bordo della Statale 106 in mutande e canottiera perché non c’è niente di più eccitante nel tenere questo coso a scoppio in mano mentre passa uno in moto e la giovane che gli sta dietro ti dice: “Solo Dio può creare un albero, ma un poeta con un tagliaerba elettrico crea infiniti poemi della meraviglia!”

  2. Si, lo spot è meraviglioso.
    Renault forse riuscirà anche a far uscire delle auto elettriche Z.E., senza il bisogno di farle costare prezzi imbarazzanti, tipo la iMiev, che Mitsubishi vende allo spinoso prezzo di €34mila. Per una macchina grande come una Panda!!
    Oh! Poi, c’è da dire che l’idea del Pos, che non funziona perché è senza benzina…non ha prezzo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *