Onda su onda

DipoliUn gruppo di ricercatori britanici ha dimostrato che l’esposizione ai ripetitori dei cellulari (sia GSM sia UMTS) non provoca – almeno nel breve/medio periodo – alcuna patologia. Il test è stato svolto su 158 volontari: 44 persone che dichiaravano di essere molto sensibili all’esposizione da onde elettromagnetiche e 114 individui indifferenti a questo genere di onde. Nei laboratori della University of Essex, la ricercatrice Elaine Fox ha installato un ripetitore per cellulari con il quale ha poi condotto i suoi esperimenti.

Durante lo svolgimento della ricerca, ai volontari è stato richiesto di soggiornare per periodi di 50 minuti nella stessa sala in cui era presente il dipolo (l’antenna) che – all’insaputa dei partecipanti – poteva essere acceso oppure spento. I volontari sensibili alle onde elettromagnetiche hanno dimostrato evidenti stati ansiosi, sentendosi fortemente a disagio in presenza del ripetitore. Eppure, solo in due sono riusciti a dire con certezza quando il dipolo fosse attivo oppure spento.

Secondo Elaine Fox e il suo team, la severità dei sintomi riscontrati nei volontari “sensibili” – comprese tachicardia e forte sudorazione – non dipenderebbe dagli effetti delle onde elettromagnetiche, ma da una forte capacità di autosuggestione, che porterebbe questi soggetti a sentirsi male in presenza di un ripetitore per cellulari.

Almeno nel breve termine, il condizionamento psicologico avrebbe dunque un ruolo fondamentale nell’insorgenza di stati d’ansia negli individui che si dichiarano sensibili alle onde elettromagnetiche. E per Elaine Fox quello dell’autosuggestione può essere un pericolo molto più grande di qualsiasi onda radio: “È giunto il momento di capire quale sia la vera causa di questi stati d’ansia. Molte di queste persone hanno una bassissima qualità di vita. L’autosuggestione preclude la possibilità di cercare soluzioni diverse e concrete per i propri problemi”.

7 Comments

  1. si teme quello che non si conosce (e certe volte anche cosa si conosce o pensa di sapere…). vale per le onde e.m. così come per gli ogm o gli studi sulla genetica umana.
    ehi, avete notato che si temono argomenti a sfondo scientifico..!??!

  2. magari non faranno male nel breve periodo, ma nel lungo? e poi diciamocelo chiaramente: non si stava meglio quando il capo non poteva trovarti ovunque al cellulare?

  3. avere paura di ciò che non si conosce è un meccanismo legato all’autoconservazione e non è detto che sia sempre un male. e personalmente io sono ben contento di non vivere a ridosso di una di quelle antenne.
    non è male nemmeno un po’ di sana critica nei confronti degli scienziati, soprattutto per quanto riguarda ogm e genetica.

  4. le sane critiche a scienziati e non sono sempre ben accette e stimolano la discussione. vanno un po’ meno bene quelle dettate da preconcetti, pregiudizi e prese di posizione a prescindere perchè è solo uno sbattere di muri contro muri.

  5. Manca un dato importante a questo articolo.
    Chi ha finanziato la ricerca? Se si tratta della Nokia o della Motorola, per dire, i risultati sono carta straccia. Comunque credo che ci siano parecchie forme di inquinamento ben piú gravi delle onde magnetiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.