Tarmageddon

Stasera risotto! Apri la credenza per prendere il pacco di riso e… “flap flap”, con la tranquillità degna del miglior santone Zen una tarma del cibo svolazza fuori dalla tua dispensa, dopo aver combinato chissà quante nefandezze su riso, pasta, cacao e compagnia bella. Che fare?

TarmaIl vero nome della tarma del cibo è “Plodia interpunctella”, vive praticamente a tutte le latitudini del globo terrestre ed è maggiormente attiva, nell’emisfero boreale, tra marzo e ottobre. Questa inquilina delle nostre dispense può deporre fino a 300 uova, da cui originano altrettante larve che – per crescere e svilupparsi – possono impiegare anche 41 settimane. Durante lo stadio larvale, i piccoli di tarma impiegano il loro tempo a mangiare e metabolizzare il cibo che trovano nelle nostre credenze.
I contenitori a tenuta ermetica non costituiscono un grande ostacolo per le tarme del cibo, che con abilità da contorsionisti riescono ugualmente ad infilarsi sotto al bordo delle guarnizioni, ricadendo poi nei contenitori dove possono trovare cibo in abbondanza.

Per risolvere il problema delle tarme del cibo, una nota multinazionale ha recentemente introdotto sul mercato un innovativo sistema per liberarci dalle colonie di questi insetti. Il principio alla base di questo nuovo prodotto è stato ideato dalla mente sadica di qualche ricercatore. È un foglietto adesivo che va assicurato su una parete interna della dispensa da disinfestare. Questo pezzo di carta, apparentemente innocuo, è irrorato con una sostanza chimica molto simile agli ormoni delle tarme e in grado di mandarne in tilt i recettori. Attirate dagli effluvi simil-ormonali, le “farfalline del cibo” rimangono intrappolate sulla superficie altamente adesiva del foglietto. E qui entra in scena il sadismo dell’inventore del sistema.

Fogliettarme Come ho avuto modo di sperimentare sulla dispensa di casa, le tarme che rimangono intrappolate sul foglietto non muoiono subito. Il foglio adesivo, infatti, non è dotato di alcun insetticida per non contaminare i cibi, con cui si trova a contatto, con agenti chimici pericolosi per l’uomo. Ciò comporta una lunga agonia per le malcapitate tarme, che si contorcono sulla superficie adesiva strappandosi le ali e automutilandosi nel tentativo di sfuggire. Per l’estrema fatica alcune muoiono in poche ore, ma la maggior parte rimangono vive per intere giornate perendo molto lentamente di inedia.

Certo, mors tarmae vita mea. Ma ciò che maggiormente inquieta è aprire e ritrovarsi decine e decine di tarme ancora vive che lottano per staccarsi dal famigerato foglietto, ormai tappezzato da una fitta coltre di compagne rinsecchite.
Infine, se la vostra dispensa si trova vicino a una finestra, state pur certi che le tarme di passaggio – attirate dal potente simil-ormone – non disdegneranno una capatina in casa vostra attirate dal foglietto.

11 commenti

  1. Io lo uso e confermo che funziona al 100%
    Preferisco un’ecatombe di tarme che trovare, come mi è capitato, vermi che galleggiano dopo aver buttato la pasta e doverne buttare un buon mezzo kg. 😉

  2. Forse è bene che non dica nulla a mia moglie, la quale ha appena terminato di pulire la cucina ed è tutta soddisfatta…


  3. @ Comicomix
    Eh lo so, è una bella lotta!
    @ bour
    Non immaginavo potesse avere risvolti dietetici questo post 🙂
    @ napo
    Ah per funzionare funziona fin troppo bene eheh
    @ finazio
    magari!
    anecòico

  4. Che schifo!! Mi tengo le tarmine e al limiti do’ loro una manata di tanto in tanto. Vederle agonizzare mi turberebbe troppo.

  5. Giada

    Io avevo visto svolazzare qualche farfallina in cucina (2 o 3 al massimo).
    Allora mi sono decisa a comprare i foglietti sopra ben descritti.
    Non lo avessi mai fatto!!!
    Ne ho attaccati 2 in due sportelli diversi…hanno attirato TUTTE le tarme del quartiere!!!
    Ora, anche dopo aver tolto i foglietti e fatto profondissime pulizie con alcool, candeggina e varie, continuano ad esserci farfalline in giro per casa!!
    Probabilmente questo ormone rimane nell’aria per un bel pò, anche dopo aver tolto il foglietto!!!
    Sono disperata non so più cosa fare!!!
    Di certo non comprerò MAI più i maledetti foglietti!!!

  6. mimmo

    non appena ho visto le farfalline ho buttato tutto !!!!
    ho messo i foglietti e magicamente il numero delle farfalline è quadruplicato,anche se non c’erano alimenti e lo sportello era chiuso!!!
    CHE DEVO FARE ?????
    non usero’ piu’ i foglietti adesivi!!!!!!!!!!! e poi che mi consigliate??

  7. Andrea

    Anch’io ho nelle mie dispense quei diabolici foglietti e ormai ho quasi paura ad aprire quelle porticine perchè so che potrei trovarmi il solito spettacolo orribile che tu hai saputo descrivere così bene.
    In effetti sarebbe meglio un metodo meno “sadico” per queste poverette però.. alla fin fine vedo che funziona, non mi son mai trovato tarme nel cibo eppure su quei foglietti ogni tanto ne rimane appiccicata qualcuna.
    Però c’è una cosa che hai detto e che non mi era mai venuta in mente…. e se fossero proprio quei maledetti foglietti ad attirare quelle bestiole?!? o_o’
    Per adesso il tarmageddon continua…in attesa di una più felice convivenza delle nostre due specie!
    Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *