AI – Idiota Artificiale

Typepad

Da alcuni giorni questo blog fa un po’ tutto di testa sua. Forse a forza di leggere ciò che scrivo ha deciso di prendere vita propria, di sviluppare la propria intelligenza artificiale e proseguire da solo verso l’infinito e oltre. Oppure, molto più semplicemente, questa benedettissima piattaforma non funziona nuovamente.

Come molti di voi avranno notato, è diventato praticamente impossibile lasciare commenti ai miei post. Per una strana congiunzione astrale, o l’inettitudine di chi gestisce l’ambaradan tra Parigi e San Francisco, la piattaforma cataloga qualsiasi commento come spamming. Scrive Bourbaki? Spamming. Scrive Antonio? Spamming. Scrivono Sonia, ma.ni, Irene, Luigi, Claudia, Comicomix, Daniele, ilRock e tutti quelli elencati qui? Spamming, spamming e ancora spamming. Tutti novelli e inconsapevoli spammatori. Armato di mouse mi tocca poi cercare la cartella dello Spam e pubblicare i commenti. Una gloriosa e indicibile rottura di pelotas.

Ho contattato il servizio di assistenza, ma devo aver disturbato una fondamentale partita di Ping Pong aziendale. Probabilmente sono arrivati alla fine del campionato e si stanno per sfidare i programmatori contro quelli dell’ufficio marketing. "Lo segnaliamo all’ufficio tecnico, non si preoccupi!" mi hanno risposto dopo 24 ore. Va bene, non mi preoccupo, ma inizio ad affilare il forcone…

Chiedo scusa a tutti voi per l’imbarazzante disservizio, perseverate!
Confido nel salvifico intervento di un tecnico di TypePad coreano al primo giorno di lavoro. Magari vorrà fare bella figura… 안녕히 가세요! (vuol dire arrivederci in Coreano, credo)

Chiudo blogttega

Blogoscopio
CattivaMaestra interrompe le trasmissioni per una settimana di pausa.

Ringrazio i tanti lettori che in pochi mesi hanno contribuito al successo del blog, che ha da pochi giorni superato quota 100.000 visitatori unici. Aficionados e nuovi visitatori troveranno sicuramente qualche post d’annata (o dannato) che non avevano ancora letto in archivio. Durante il periodo di chiusura i commenti saranno moderati, come diceva Salomone, portate “pasiensa”. I minuti spesi sul blog non saranno restituiti.
Se non lo avete già fatto, potete inserire il Feed RSS di CattivaMaestra nel vostro aggregatore. Non costa nulla e sarete i primi a sapere quando riaprirò blogttega.

Buon tutto!

Più blog per tutti

In seguito a un mio precedente post, sulla visibilità dei blog della Stampa, ho ricevuto diverse e-mail da parte di blogger che quotidianamente aggiornano e trattano con cura certosina il loro sito web. Il sentore comune, a detta di molti, è che nella prestigiosa collocazione nella home-page del quotidiano online finiscano sempre gli stessi "furbetti del portalino".
In effetti qualcosa di fondato in questo genere di rimostranze c’è, basta considerare gli ultimi 15 giorni per rendersi conto che nella prima pagina della Stampa.it siano costantemente finiti i soliti 8/10 blog. Naturalmente compiere una cernita dei post più significativi da mattere in homepage non è un’operazione semplice. Non solo per l’alto numero di siti personali presenti nel portale, ma anche per l’estrema varietà di argomenti e tematiche affrontate quotidianamente.
Personalmente mi dispiace molto constatare che dall’ "angolo dei lettori" siano spariti blog molto validi, amministrati da validissimi osservatori della contemporaneità. Non farò nomi, ma scommetto che ognuno di voi ha in mente almeno una decina di desaparecidos.

Dunque che fare?
Molto immodestamente, vorrei proporre alla redazione una piccola modifica dell’ "angolo dei lettori" per consentire una maggiore visibilità ai tanti blogger che da sempre vivono nell’ombra. Basterebbe aggiungere un link in homepage a una nuova pagina web, diversa da ">tutti i blog", in cui elencare i blog recentemente aggiornati con i titoli dei relativi post.

Bloghome

La creazione di una nuova pagina con i link ai blog aggiornati, sullo stile di Technorati, non dovrebbe comportare grandissimi problemi, si potrebbe riadattare e riportare in auge la storica sezione dei blog divisi per categorie, consentendo a tutti di avere maggiori opportunità di essere letti. Inoltre, ciò ridurrebbe sensibilmente il numero di lamentele alla redazione della StampaWeb che, oltre a noi blogger, ha giustamente altre incombenze cui pensare.